L'Acchiappavirus

Piccolo manuale di sicurezza informatica per chi odia la sicurezza informatica

© 2004-2005 Paolo Attivissimo. Alcuni diritti riservati.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre 2005.

"Non pensavo che qualcuno potesse scrivere un libro di sicurezza informatica che fosse anche così divertente da leggere!"

-- Luigi Trovatelli, Stresa, citato con il suo permesso

[Scritta spray su un muro]

-- Anonimo

Sfogliatelo online: se vi piace, compratelo in libreria

Ho scritto per l'editore Apogeo L'Acchiappavirus: una piccola guida alla sicurezza informatica. Qualcosa di diverso dai soliti manualoni, con un taglio adatto anche all'utente meno appassionato e smanettone (che poi spesso è anche il più vulnerabile).

È principalmente dedicato a Windows XP, ma gran parte dei consigli vale anche per altre versioni di Windows e per altri sistemi operativi. Tutti i capitoli tengono conto delle novità introdotte dal Service Pack 2 di Microsoft.

È una guida semplice, ma comunque sufficiente a tenere al riparo dai guai qualsiasi utente di computer che usa Windows XP. Se siete smanettoni e vi sentite troppo esperti per una guida introduttiva come questa, potete regalarla ai vostri amici che vi tempestano di domande su come difendersi da virus, programmi-spia, intrusi e truffe. Così eviterete di spiegare sempre le stesse cose e di cercare le parole giuste per farlo.

Le semplici tecniche descritte nel libro, se applicate con rigore, sono sufficienti a eliminare tutti i virus conosciuti e praticamente tutti gli attacchi informatici più diffusi. In aggiunta alle soluzioni tecnologiche, L'Acchiappavirus cerca di educare gli utenti all'uso del buon senso informatico: regole di comportamento da adottare per vivere tranquilli anche su Internet. L'unica eccezione al buon senso è la presenza della mia effigie in copertina, ma cosa vi devo dire, così ha voluto l'editore.

Il libro è stato sviluppato interamente via Internet: man mano che lo scrivevo, l'ho pubblicato qui e i lettori l'hanno potuto scaricare e rivedere, snidando errori, refusi e paragrafi poco chiari. Il loro contributo è stato preziosissimo, e si sono meritati una citazione individuale nel libro. Eventuali errori residui sono ovviamente colpa mia.

Quello che trovate qui è il testo integrale del libro. Se volete scaricarlo gratuitamente, leggete più sotto.

[copertina di L'Acchiappavirus]

La copertina de L'Acchiappavirus.

Dove lo posso comperare?

Dovreste trovarlo nelle migliori librerie di tutta Italia, ma potete andare a colpo più sicuro consultando prima l'elenco delle librerie che tengono i titoli Apogeo (cliccate su Rivendite sotto la testata della pagina Web). Se vi serve, il codice ISBN de L'Acchiappavirus è 88-503-2263-1.

In alternativa, potete ordinarlo via Internet da Apogeo tramite l'apposita scheda d'ordine. È in vendita anche presso altri siti Internet, come per esempio Librinformatica.com.

Quanto costa?

Il libro su carta costa soltanto sette euro e venti.

Il file contenente il suo testo è invece gratuito, ma è ovviamente meno pratico e gradevole da sfogliare, a meno che vi piaccia leggere i libri sullo schermo del computer o stamparvi una catasta di carta.

Distribuzione libera e gratuita

La versione elettronica de L'Acchiappavirus non è protetta in alcun modo contro la duplicazione. La offro gratuitamente alla comunità di Internet senza restrizioni, eccetto quelle imposte dalla vostra onestà. Distribuitela e duplicatela liberamente, mettendola per esempio sul vostro sito o circolandolo nei circuiti peer-to-peer, basta che:

Il fatto che sia liberamente distribuibile non altera né indebolisce in alcun modo il diritto d'autore (copyright), che rimane mio, ai sensi delle leggi vigenti. In particolare:

Paolo, perché non usi la licenza Creative Commons?

Molti lettori attenti al diritto d'autore e alle sue evoluzioni mi hanno chiesto come mai ho adottato una mia regola di distribuzione invece di affidarmi alle licenze sviluppate dagli esperti di Creative Commons. La ragione è semplice: nessuna delle licenze CC si adatta al mio caso. Ho pertanto preso alcuni principi delle loro licenze e ho creato la mia "mini-licenza", costituita dalle righe qui sopra e dalle diciture corrispondenti nel libro.

L'Acchiappavirus è pizza-ware!

La versione elettronica del libro è gratuita, ma se vi piace e volete farmelo sapere offrendomi una pizza tramite una donazione, non ho nulla in contrario:

Mi raccomando, però: non mandate fette di pizza nelle buste. Le Poste Svizzere (abito vicino a Lugano) non apprezzano queste cose ;-)

Il vostro contributo servirà da incoraggiamento a farmi scrivere altri libri. In altre parole, se scaricate il libro e vi fa schifo, il modo migliore per farmi smettere è non mandarmi un soldo e non comperarlo in libreria.

Grazie!

Mi interessa, lo posso scaricare?

Certamente, è qui per questo. Il testo è costituito da un file PDF zippato (4.2 MB), leggibile su qualsiasi computer con il programma gratuito Acrobat Reader e con molti altri programmi analoghi.

Non so se scaricarlo o no. Cosa c'è dentro?

Ecco un breve indice dei contenuti de L'Acchiappavirus.

Non sono capace di scaricarlo e comunque non mi va di stampare 250 pagine

Nessun problema: è proprio per questo che esiste la versione su carta, compatta, tascabile, rilegata e pronta per l'uso (o per regalarla). Con sette euro e venti risparmiate tutte queste tribolazioni e la scomodità dei fogli non rilegati.

Andate in libreria e pretendete dunque L'Acchiappavirus!

Supplementi online

Sto scrivendo alcune pagine Web di approfondimento sull'uso e la configurazione dei singoli programmi descritti nel libro. Se conoscete bene uno di questi programmi e volete contribuire scrivendo una paginetta in proposito, scrivetemi e la pubblicherò qui (ovviamente con la vostra firma). Per avere un'idea dell'impostazione da adottare, date un'occhiata alle pagine Web che ho già scritto.

1 Sitemap